Accanto è un posto per pochi.

Lo ricordo bene il giorno in cui ho incontrato i tuoi occhi per la prima volta, con grande curiosità, c’era stato un gran parlare su di te, ormai tutti ti avevano già conosciuto, tutti tranne me.

Si dicevano tante cose su di te, tutte positive, e la mia innata diffidenza mi insospettiva.

Soprattutto nei primi tempi se c’eri tu, me ne accorgevo ancora prima di vederti, tra le nostre auto con colori “standard”, c’era la tua azzurro metallizzato, l’unica che riconoscevo subito e da lontano.

Ma non è stato amore a prima vista, no, non ci si stava simpatici, per niente.

Coppia strana la nostra, complementari al massimo, diversi al quadrato.
E se la complementarità sa unire e si nutre della diversità, la stessa diversità è un limite a tratti insormontabile.

Ho letto qualche tempo fa che la ricetta per rimanere insieme non è essere innamorati fino all’ultimo dei nostri giorni, ma la capacità di far andare d’accordo le due persone che siamo diventati rimanendo insieme.

E’ proprio questa la sfida, insieme si cambia, si cresce, si matura, a volte migliorando, ma quante volte la vita ci costringe allo scontro.

E’ inevitabile non avere lo stesso passo in ogni singolo aspetto della vita, ma abbiamo saputo aspettarci, abbiamo saputo resistere, è questo che le coppie fanno, resistono.

Personalmente ho qualche dubbio rispetto ad un amore che rimane immune ai colpi della vita, credo però nelle scelte, tutti i giorni, sempre, mantenendoci nella stessa posizione, l’uno accanto all’altro, ma  cambiando le prospettive, scegliere di rimanere al meglio che si possa.

La tua presenza non è mai troppa, non sei travolgente, non sei un pozzo di idee, non sei l’uomo delle sorprese o delle improvvisate, ma ti ho trovato sempre pronto ad accompagnarmi nei miei desideri, capace di starmi accanto pur non avendo la più pallida idea di dove ci porterà la mia ultima pensata, ogni volta tu sembri fidarti e sperare che io possa realizzare qualunque cosa e così è da sempre.

E io questo lo apprezzo.

E quello che mai cambierei è che io e te più che innamorati sembriamo due perenni Sandra e Raimondo, non manca la punzecchiata o il prenderci in giro con ironia, questo è ciò che ci distingue.

Io non so cosa sarà domani, ma so cosa siamo oggi insieme❤️

🍀un inusuale buon compleanno🍀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...